Sagrestia
Sagrestia

Sagrestia

Usata fin dal XVII secolo come aromateria, era la stanza dove si conservavano le acque distillate e per questo chiamata “Stanza delle acque”.

Le pareti sono completamente affrescate con storie della passione di Cristo.

Nel 2012 per i 400 anni dell’azienda tutti i locali di via della Scala sono stati restaurati e senza dubbio la sagrestia dell’ex Cappella di San Niccolò è ciò che ha suscitato maggior interesse anche per il risultato ottenuto.

Nell’ affresco originale del XIV sec., l’intervento ottocentesco è stato il più impattante, la volta fu infatti interamente ridipinta in quel periodo, e su uno sfondo di cielo stellato furono rappresentati i quattro evangelisti.

Con l’attuale restauro, Daniela Dini è riuscita a liberare completamente la volta dalla pittura ottocentesca, riportandola all’originale dipinto di Mariotto di Nardo.

I quattro evangelisti ottocenteschi hanno dato posto a tre santi ed un vescovo: un francescano (San Bernardo di Quintavalle), un benedettino (San Benedetto), un domenicano (San Tommaso) ed un vescovo (San Niccolò).”